La storia

Il Mulino dei Marchesi Eroli sorge sulle rive del fiume Nera, in un contesto di grande importanza storico-artistica, caratterizzato dall'antica via Flaminia, dal Ponte di Augusto e dall'Abbazia di San Cassiano.

Il Ponte di Augusto fu fatto edificare dall'omonimo imperatore romano, nel 27 a. C. per permettere un più agevole percorso della Via Flaminia, che unisce Roma a Fano.

Nell'anno 1000 fu in parte distrutto da un'inondazione, assumendo il suo attuale aspetto.

Nel XVIII secolo tale luogo, per la sua bellezza e il suo fascino, divenne una delle mete del Grand Tour, il viaggio che i gentiluomini di tutta Europa compivano in Italia.

Il Mulino sorge a pochi metri dal ponte di Augusto; fra i più antichi dell'Umbria, ed è da tempo immemorabile proprietà della famiglia dei Marchesi Eroli. Per la sua importanza storica è contemplato dallo Stato fra i beni di interesse culturale.

Ponte di Augusto